Messaggio, 25. aprile 2018

“Cari figli! Anche oggi vi invito a vivere con Gesù la vostra nuova vita. Che il Risorto vi doni la forza affinché siate sempre forti nelle prove della vita e fedeli e perseveranti nella preghiera, perché Gesù vi ha salvati con le Sue ferite e con la Sua resurrezione vi ha dato una vita nuova. Pregate, figlioli e non perdete la speranza. Nei vostri cuori ci siano gioia e pace, testimoniate la gioia di essere miei. Io sono con voi e vi amo tutti con il mio amore materno. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Autistica, vittima di bullismo e… satanista: il cammino di Deborah per tornare alla Chiesa

Deborah Lipsky è autrice del libro A Message of Hope: Confessions of a Ex-Satanist (Un messaggio di speranza: confessioni di un’ex-satanista).

Nata nel Massachusetts (Stati Uniti), è rimasta coinvolta nel satanismo quando era adolescente, e dopo aver sperimentato l’orrore e il vuoto ha supplicato Dio perché le desse la grazia di tornare alla Chiesa cattolica. Ha ottenuto questa grazia nel 2009. Continua a leggere “Autistica, vittima di bullismo e… satanista: il cammino di Deborah per tornare alla Chiesa”

Un missionario con la sindrome di Down è proprio quello di cui hanno bisogno questi ragazzi kenyoti

Casey Barker è un missionario laico che lavora in una scuola per sordi del Kenya. Ha qualche tratto particolare? Sì, ha la sindrome di Down e un’attitudine eccellente per qualsiasi sfida.

A Kitui (Kenya), la St. Michael School for the Deaf accoglie sordi e ipoudenti. Nel 2016 la scuola ha accolto la famiglia Barker – i genitori e il loro figlio 27enne, Casey. Il loro arrivo è stato considerato una benedizione: c’era bisogno di un amministratore per l’ospedale diocesano e di un logopedista specializzato nella lingua dei segni. I genitori avevano il profilo necessario, e Casey era un “bonus” inaspettato – anche se ha la sindrome di Down, insegna il linguaggio dei segni a scuola. Continua a leggere “Un missionario con la sindrome di Down è proprio quello di cui hanno bisogno questi ragazzi kenyoti”

Vittima di bullismo da piccolo, ora insegna a combatterlo (VIDEO)

Ci è passato anche lui, ma non aveva avuto il coraggio di parlare. «Ora basta al bullismo. Mando in rete questo messaggio perché vorrei raggiungere più persone possibili, tutti possono imparare a reagire e a difendersi contro il bullismo». Lo ha spiegato in un video pubblicato su Facebook Marco Baruffaldi, 22enne di Castelfranco Emilia, nel Modenese, affetto da sindrome di Down.