Dio benedice gli sforzi di coloro che mettono la Sua opera al primo posto.

 

Il villaggio è tranquillo in questi mesi d’inverno. A molti proprietari di pensioni e per i veggenti, la scarsa presenza di pellegrini permette di passare più tempo in famiglia attorno al camino. Il mese scorso una signora cinese è venuta a passare qualche giorno nella nostra comunità a Medjugorje. Ci ha detto che deve essere facile per i veggenti discernere la Volontà di Dio. “Poiché voi vedete la Santa Vergine tutti i giorni, disse, voi sapete come seguire il giusto cammino. Ma noi, come possiamo conoscere la volontà di Dio nelle nostre vite e come possiamo essere sicuri di non sbagliarci?” Mi sono permessa di chiedere a Vicka di passare un po’ del suo “tempo d’inverno” con noi e di condividere alcune delle sue illuminazioni…. Ha accolto molto gentilmente la mia amica.
Vicka irradia una gioia ed un amore così celestiali che si potrebbe credere che possiede una ricetta magica per la pace! Certo, essa ha tracciato una chiara linea per raggiungere la felicità, ma questo non ha nulla di magico!
Vicka si è rivolta alla mia amica prima ancora che le fosse posta una domanda.”Le persone che si credono furbe ed intelligenti, disse, agiscono in funzione dei loro piani e non si preoccupano del piano di Dio. E falliscono a causa dell’orgoglio e devono affrontare molte difficoltà nella realizzazione dei loro progetti e nella loro ricerca di Dio”.

Continua a leggere “Dio benedice gli sforzi di coloro che mettono la Sua opera al primo posto.”

Quando uno è malato, che cosa è meglio che faccia? (Risponde la veggente Vicka)

 Padre Livio: Senti, Vicka, una volta – erano le quattro di mattina – con te, Suor Elvira e un gruppo di suoi ragazzi abbiamo fatto una Via Crucis sul Krizevac. Fu un’esperienza straordinaria. E’ stata certamente la Via Crucis più lunga della mia vita, essendo terminata a mezzogiorno. Ad ogni stazione tu facevi una preghiera spontanea e ti ho sentito pronunciare una bellissima invocazione che suonava così: “Grazie, Gesù, perché la croce è grazia! Grazie, Gesù, perché la croce è gioia!” Come ti sono uscite queste parole meravigliose dal cuore? 

Continua a leggere “Quando uno è malato, che cosa è meglio che faccia? (Risponde la veggente Vicka)”

La profezia di Civitavecchia “Parla Fabio Gregori, proprietario della Madonnina delle lacrime”

La profezia di Civitavecchia Parla Fabio Gregori, proprietario della Madonnina delle lacrime (di Riccardo Caniato, Studi Cattolici nr. 652 giugno 2015)

Sul numero di maggio-giugno della rivista diocesana La Madonnina di Civitavecchia, si ricorda che dal giorno 15 marzo 2005, con decreto dell’allora vescovo della città, mons. Gerolamo Grillo, la piccola parrocchia di Sant’Agostino a Pantano, che custodisce in una teca blindata la statua della Vergine che ha lacrimato sangue per 15 volte tra il 2 febbraio e il 15 marzo 1995, è stata eretta a Santuario mariano. La notizia così ribadita è importante perché significa che la Chiesa riconosce l’origine soprannaturale di quelle lacrime. Non a caso l’attuale vescovo, mons. Luigi Marrucci, il 26 aprile 2014, ha incoronato la «Madonnina» durante un pontificale concelebrato con il vescovo emerito Grillo, l’arcivescovo Giovanni Marra e con moltissimi sacerdoti della diocesi. Come già per altre mariofanie ed eventi analoghi è proprio con gesti solenni come questo che la Chiesa dà pubblica approvazione di un fatto riconducibile a un intervento divino. E dal momento che un vescovo non prende simili iniziative in disaccordo con Roma e che in seno alla diocesi i suoi decreti valgono il volere del Papa, questi fatti spengono definitivamente le opinioni particolari di chi da vent’anni specula sulla veridicità delle lacrimazioni.

Continua a leggere “La profezia di Civitavecchia “Parla Fabio Gregori, proprietario della Madonnina delle lacrime””

Storia di Akiane Kramarik

Ad 8 anni disegna il volto di Gesù

Akiane descrive la sua esperienza di visioni dall’età più tenera di Gesù, angeli, senza capire cosa fossero e di come cominciò semplicemente a dipingere quello che vedeva o sognava, senza che nessuno le avesse insegnato.

Continua a leggere “Storia di Akiane Kramarik”

Patrik morto alla fede risorto grazie a Medjugorje

Patrik morto alla fede risorto grazie a Medjugorje

Per destare il sonno della coscienza serve, in alcuni casi, un evento brusco, qualcosa per sempre stravolge il normale corso degli eventi. A quel punto, quando la coscienza è sveglia, il nostro animo, prima ovattato da un falso senso di sicurezza, viene scosso dall’incertezza e si comincia a domandarsi il perché della vita, il perché dei nostri gesti quotidiani ed il perché della caducità dell’esistenza. Dare risposta a questi quesiti è uno dei desideri ancestrali dell’uomo che sin dai primi passi ha cercato di giustificare quanto gli succede intorno.

Continua a leggere “Patrik morto alla fede risorto grazie a Medjugorje”