Get Adobe Flash player

Anche un piccolo contributo di 1 euro per noi può essere molto per il mantenimento di questo sito web

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

 

Alle 2.30 del 23 settembre 1968 si concludeva l’esistenza terrena di Padre Pio da Pietrelcina, l’umile cappuccino che nel 2002 fu proclamato santo da Giovanni Paolo II. La devozione nei suoi confronti ha dimensioni planetarie ed è diffusa in tutti gli strati sociali. Ne parliamo con mons. Pietro Bongiovanni, 55 anni, parroco di San Salvatore in Lauro, dal 2000 assistente ecclesiastico diocesano e del Lazio dei Gruppi di preghiera di Padre Pio. Continua a leggere

Pochi santi furono, come padre Pio, dotati di doni straordinari che hanno richiamato su di lui l’attenzione del mondo intero: le stimmate, il profumo misterioso che emanava dal suo corpo, i carismi di profezie e di scrutamento dei cuori, le guarigioni e le conversioni attribuite alla sua preghiera. Nel convento del Gargano, nel quale l’umile frate cappuccino viveva, la ressa di devoti era quotidiana: tutti lo volevano vedere, toccare; tutti desideravano assistere alla sua messa, un momento di rara intensità spirituale e soprattutto confessarsi, rimettersi in sintonia con Dio guidati da lui. La confessione era un incontro che spesso sconvolgeva le persone mutando per sempre la loro vita, mentre il numero dei «convertiti» e dei devoti estimatori aumentava incessantemente.
Continua a leggere

 

Cari figli di Medjugorje, lode a Gesù e Maria!

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Il 2 novembre 2011, Mirjana ha ricevuto la sua apparizione mensile alla Croce Blu, circondata da una grande folla. Dopo l’apparizione ci ha trasmesso il seguente messaggio: “Cari figli, il Padre non vi ha lasciato a voi stessi. Il suo amore è immenso, l’amore che mi conduce a voi per aiutarvi a conoscerlo, affinché tutti, per mezzo di mio Figlio, possiate chiamarlo “Padre” con tutto il cuore e affinché possiate essere un popolo nella famiglia di Dio. Ma, figli miei, non dimenticate che non siete in questo mondo solo per voi stessi e che io non vi chiamo qui solo per voi. Coloro che seguono mio Figlio pensano al fratello in Cristo come a loro stessi e non conoscono l’egoismo. Perciò io desidero che voi siate la luce di mio Figlio, che voi illuminiate la via a tutti coloro che non hanno conosciuto il Padre – a tutti coloro che vagano nella tenebra del peccato, della disperazione, del dolore e della solitudine – e che mostriate loro con la vostra vita l’amore di Dio. Io sono con voi! Se aprite i vostri cuori vi guiderò. Vi invito di nuovo: pregate per i vostri pastori! Vi ringrazio”.
Continua a leggere

Vicka reduce dal 6° intervento alla schiena in pochi anni. Le preghiere hanno avuto successo infatti e arrivata la bellissima notizia che Vicka tornerà presto a dare la sua testimonianza nella vecchia casa nativa a Bijakovici (Tre volte a settimana). Sin dalle prime apparizioni nel 1981 ha sempre parlato ai pellegrini dalla scalinata che porta alla sua piccola casa blu ai piedi della collina delle apparizioni. Vicka nonostante la sofferenza sia fisica che morale, non ha mai perso il sorriso e la gioia. Continua a leggere

 

Nel libro Fatima. Tutta la verità, scritto da Saverio Gaeta per le Edizioni San Paolo (240 pagine, 15 euro), si trova la più aggiornata e completa inchiesta sulla storia e il messaggio delle apparizioni ai tre pastorelli portoghesi. Pubblichiamo in esclusiva l’anticipazione che riguarda uno dei temi più significativi e attuali: quello relativo all’ipotesi di un testo scritto da suor Lucia in allegato al cosiddetto “terzo Segreto”, che ne spiegherebbe con chiarezza la visione e la profezia. Le apparizioni di Fatima furono sei e si susseguirono mensilmente fra il 13 maggio e il 13 ottobre 1917, sempre in presenza di Lucia e dei suoi cuginetti Francisco e Jacinta, proclamati beati nel 2000 (anche per suor Lucia è in corso il processo di beatificazione).

Continua a leggere

 

Tra i canti suggeriti dal libro liturgico che regola Il Rito della comunione fuori della Messa e culto eucaristico, tra cui l’Adorazione e le Processioni teoforiche (cioè che portano Dio stesso sotto le specie del pane), si può trovare una rielaborazione del Lauda Sion (qui testo e traduzione), un adattamento in forma semplice e con intercalare di acclamazioni che mi pare adatta ad ogni coro e, in particolare, all’occasione festosa del Corpus Domini. Fu composto da Federico Caudana nel 1927 per la cattedrale di Cremona. Vi riporto il testo, lo spartitocome si trova nel rituale al num. 235 (qui lo spartito polifonico in PDF), e il video musicale con l’esecuzione del brano del Coro di Bonemerse (CR). Continua a leggere