13 Giugno ” Sant’Antonio da Padova “

Risultati immagini per 13 giugno sant'antonio da padova

SANT’ANTONIO DA PADOVA

Lisbona, Portogallo, c. 1195 – Padova, 13 giugno 1231

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant’Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d’Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell’eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell’Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell’Italia settentrionale proseguendo nell’opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell’Arcella. (Avvenire)

INVOCAZIONE A SANT’ ANTONIO

(di san Bonaventura)

Ricordati, o caro sant’Antonio, che tu hai sempre aiutato e consolato chiunque è ricorso a te nelle sue necessità.

Animato da grande confidenza e dalla certezza di non pregare invano, anch’io ricorro a te, che sei così ricco di meriti davanti al Signore. Non rifiutare la mia preghiera, ma fa’ che essa giunga, con la tua intercessione, al trono di Dio.

Vieni in mio soccorso nella presente angustia e necessità, e ottienimi la grazia che ardentemente imploro, se è per il bene dell’anima mia…

Benedici il mio lavoro e la mia famiglia: tieni lontane da essa le malattie e i pericoli dell’anima e dei corpo. Fa’ che nell’ora del dolore e della prova io possa rimanere forte nella fede e nell’amore di Dio. Amen.

PREGHIERA A SANT’ ANTONIO DA PADOVA

O gran Santo, chiamato comunemente il Santo di Padova ma degno di essere nominato il Santo del mondo, perchè in ogni terra si onora il vostro merito, e tanti altari s’alzano al vostro nome, quanti sono i cuori degli uomini, deh! non sdegnate di ricevere anche i piccoli tributi della mia divozione e d’accogliermi sotto il vostro patrocinio. Voi che di frequente stringeste nelle braccia il Celeste Bambino, e ve l’accostaste al seno, riconducetelo in questo mio cuore, donde più volte l’ho scacciato peccando; ma che non parta mai più dandomi perseveranza in servirlo, e gratitudine in riamarlo.

PREGHIERA A SANT’ ANTONIO PER QUALUNQUE BISOGNO

Indegno per le colpe commesse di comparire davanti a Dio
Vengo ai tuoi piedi, amorosissimo Sant’Antonio,
per implorare la tua intercessione nella necessità in cui verso.
Siimi propizio del tuo possente patrocinio,
liberami da ogni male, specie dal peccato,
e impetrami la grazia di……………
Caro Santo, sono anch’io nel numero dei tribolati 

che Dio ha commesso alle tue cure, e alla tua provvidente bontà.
Sono certo che anche io per mezzo tuo avrò quanto chiedo
e così vedrò calmati i miei dolori, confortate le mie angustie,
asciugate le mie lacrime, ritornato alla calma il mio povero cuore.
Consolatore dei tribolati
non negarmi il conforto della tua intercessione presso Dio.
Così sia! 

PREGHIERE A SANT’ ANTONIO PER LA FAMIGLIA

O caro sant’Antonio, a te ci rivolgiamo per chiedere la tua protezione 

su tutta la nostra famiglia.

Tu, chiamato da Dio, lasciasti la tua casa per consacrare la vita al bene del prossimo, e a tante famiglie venisti in aiuto, anche con interventi prodigiosi, per riportare ovunque serenità e pace.

O nostro Patrono, intervieni in nostro favore: ottienici da Dio la salute del corpo e dello spirito, donaci un’autentica comunione che sappia aprirsi all’amore verso gli altri; fa’ che la nostra famiglia sia, sull’esempio della santa Famiglia di Nazaret, una piccola chiesa domestica, e che ogni famiglia nel mondo diventi un santuario della vita e dell’amore. Amen.

Glorioso Sant’Antonio
Invitto propugnatore delle verità cattoliche e della fede di Gesù Cristo,
tesoriere e distributore di grazie e di portenti,
con tutta umiltà e fiducia
vengo ad implorare il tuo patrocinio in vantaggio della mia famiglia.
Io la metto oggi nelle tua mani, accanto a Gesù Bambino.
Tu assistila nelle sue temporali necessità;
Tu tieni lungi da essa il calice dei dolori e delle amarezze.
Che se non le potesse sempre e del tutto evitare,
almeno ottienile il merito della pazienza e della rassegnazione cristiana.
Soprattutto poi, salvala dall’errore e dal peccato!
Tu sai, o caro Santo, che i tempi che corrono
Sono avvelenati dall’indifferenza e dalla incredulità,
che gli scandali e le bestemmie insolentiscono per ogni dove;
deh! che non ne resti contaminata la mia famiglia;
ma vivendo sempre fedele alla legge di Gesù Cristo,
e ai dettami della Chiesa Cattolica,
meriti un giorno di ritrovarsi tutta riunita
a godere il premio dei giusti in Paradiso.
Così sia!

AFFIDAMENTO DEI BAMBINI A SANT’ ANTONIO 

O sant’Antonio, ci rivolgiamo a te per mettere sotto la tua protezione ciò che abbiamo di più caro e prezioso: i nostri figli.

A te, immerso nella preghiera, apparve Gesù Bambino, e, mentre lasciavi questo mondo confortato dalla visione dei Signore, i bambini diffondevano l’annuncio della tua morte beata: rivolgi il tuo sguardo a questi fanciulli che ti affidiamo perché tu li aiuti a crescere, come cresceva Gesù, in età, sapienza e grazia.

Fa’ che essi conservino l’innocenza e la semplicità di cuore; concedi che abbiano sempre accanto l’affetto premuroso e la guida saggia dei genitori. Vigila su di loro perché, progredendo negli anni, arrivino alla completa maturità e, come cristiani, diano testimonianza di una fede esemplare.

O sant’Antonio nostro patrono, sii vicino a tutti i bambini e conforta anche noi con la tua continua protezione. Amen.

PREGHIERA DELLO STUDENTE
A SANT’ANTONIO DI PADOVA

O amabile S. Antonio,
che in premio della tua profonda umiltà
e angelica purezza
meritasti da Dio il dono della sapienza,
con cui approfondisti i più reconditi misteri
e li svelasti alle moltitudini
con la tua meravigliosa predicazione.
Volgi uno sguardo benigno su di me
e sopra i miei studi,
fa che io conosca il mio nulla
e mi conservi casto di mente e di corpo
per ottenere dal Signore la benedizione
necessaria
per il buon esito dei miei studi e dei miei esami,
a gloria Sua e a bene dell’anima mia.
Amen!

PER LA CONVERSIONE DI UN FIGLIO

O mio tenerissimo protettore Sant’Antonio,
che durante la tua vita mortale tanto zelo avesti per la salvezza delle anime,
ti muova a pietà l’angoscioso cuore di una madre (di un padre),
straziato alla vista dell’indifferenza religiosa del proprio figlio.
Tu sei il ritrovatore delle cose perdute, fa trovare al figlio mio
quel retto sentiero religioso che io gli insegnai,
e per il quale egli, prima che le ree massime del mondo
ammorbassero la sua esistenza, camminava con tanta mia consolazione.
Deh! caro Santo,  tu che tante volte dissipasti le tempestose nubi del cielo
e svelasti gli inganni del demonio, fa che torni il sereno in quell’anima.
Svela le insidie del maligno Perché conosca la sua miseria spirituale,
e, qual figlio prodigo rinsavito, ritorni fra le braccia del Padre Celeste,
per non dipartirsene mai più.
Questa la grazia che da Te aspetto! Tu me la devi ottenere!

PER LA CONVERSIONE DI UNA PERSONA CARA

Amabile Sant’Antonio,
che fosti pieno di santa carità per i poveri peccatori
e non risparmiasti fatiche, orazioni e penitenze per richiamarli a Dio,
vieni in mio soccorso, aiutami a convertire quella persona cara al mio cuore,
ma non cara a Dio per la sua vita disordinata.
Tu sai che essa non è del tutto cattiva.
Ha cuore, sente compassione dei miserabili e procura di aiutarli,
ama la propria famiglia e ne cerca tutto il bene.
Ma, infelice, mentre si interessa degli altri, trascura se stessa;
mentre si intenerisce alle altrui miserie temporali, non cura le sue spirituali.
E’ una povera cieca, e tocca a te, o tenerissimo Santo, 

a impetrarle lume da Dio.
E’ una pecorella smarrita!
Deh! riconducila tu all’ovile del buon Pastore.
Deh! falle sentire tutta l’abiezione in cui è caduta, toccale il cuore,
così che domandi a Dio e ottenga perdono e pace.
O caro Santo, ti prego!
Non negarmi questa importantissima grazia!

PER UNA PERSONA IMFERMA

Mi prostro ai tuoi piedi, o mio protettore Sant’Antonio,
e ti presento un’umile ma fervida preghiera
per quella persona, pur tua devota, che giace oppressa da fiero malore
che ne minaccia la vita.
Tu che hai un cuore benefico, tu che sei il Taumaturgo di tutti i tempi,
deh! volgi uno sguardo di compassione a quell’infelice,
ascolta le sue lacrimevoli voci,
e con la tua potente intercessione sollevala dal suo male e guariscila.
Parla a Gesù, parla a Maria, per lei.
Dalla loro bontà, per tua intercessione, si aspetta
la perduta sanità del corpo, e altre grazie spirituali.
Se le otterrà, non se ne servirà a scopo di male,
ma se ne gioverà per attendere con maggiore proposito
alla santificazione dell’anima sua.

PREGHIERA A SANT’ ANTONIO NELL’AFFLIZIONE

Amorosissimo Sant’Antonio, tenero protettore delle anime afflitte,
io mi prostro umilmente davanti alla tua immagine
con il cuore straziato.
Nella piena dei mali che mi opprimono
a chi posso rivolgermi per avere tranquillità e pace,
se non a te che sei lo speciale ritrovatore delle cose perdute?
E qual motivo di confidenza e di speranza
non devo avere in te che tutti invocano il Santo dei miracoli?
Nello splendore della gloria, ove Dio volle premiare le tue eroiche virtù,
non puoi dimenticare chi soffre.
Mentre sulla terra fosti tutto carità per il prossimo, e per accorrere in suo aiuto
rompesti spessissimo le leggi della natura e operasti i più insigni prodigi,
è possibile che ora, e solamente per me,tu abbia a negare la tua intercessione?
Il mondo abbandona i suoi amici nel tempo della sventura!
Per te, tenerissimo amico di Dio, è questo il tempo 

in cui concedi più spesso i tuoi soccorsi.
Ebbene, caro Santo, tu vedi quali pene io soffra
e quali angustie mi opprimono.
Sii, te ne prego, il mio amoroso e potente protettore:
sollevami da tanti affanni, perché io non ne posso più!
Vedi che sono in procinto di soccombere sotto il peso di tante sventure che mi tormentano e di tanti nemici che mi assediano.
Intorno a me non vedo che tenebre, desolazione e tempeste:
un raggio di speranza lo trovo solo nel tuo valevole patrocinio.
Potresti lasciarmi deluso?
Se Dio, per i suoi imprescrutabili fini, non vuol togliermi da sì fiero travaglio,
ottienimi almeno la forza necessaria e la grazia di accettare tali pene con rassegnazione, di sopportarle con pazienza,di soffrirle in espiazione dei miei peccati,
per soddisfare la divina giustizia, e per meritare un giorno 

la ricompensa e la gloria dei Santi
Così sia!

PREGHIERA PER LA SCELTA DELLO STATO

O sapientissimo Sant’Antonio,
tu sai quanto importi al bene temporale
ed eterno di un’anima,
la savia e prudente scelta dello stato.
Ecco io mi trovo dinanzi a questo interessantissimo affare,
e comprendo bene che, se mi mettessi per altra via
da quella segnatami dalla Provvidenza,
avrei a pentirmene in questo mondo e, forse, nell’altro.
Ho bisogno di lume e di grazia!
E che meglio di te potrà ottenermene, o mio tenerissimo Protettore?
No, io non voglio fare di mio capriccio;
ma mentre dipenderò da coloro che hanno da Dio il compito di dirigermi,
porgo umile e calda preghiera a te,perché illumini essi e me,
così che lo stato che abbraccerò,
sia quello a cui il Signore mi chiama!
Non l’interesse, l’amor proprio, lo spirito del mondo,
abbiano alcuna parte nella mia scelta;
ma fa che io cerchi in essa
soltanto la gloria di Dio
e il bene dell’anima mia.
Amen! 

PREGHIERA A SANT’ ANTONIO PER DOMANDARE LA PURITA’

O purissimo Sant’Antonio,
se tutti gli uomini portano il prezioso tesoro della purità
in fragilissimo vaso che corre ad ogni istante pericolo di rompersi,
o di essere rubato da scaltri nemici,
quanto non devo temere io, che da una parte conosco la mia debolezza e,
dall’altra, i pericoli a cui spesso, anche senza volerlo, mi trovo esposto!
Caro Santo, tu che fanciullo mettesti la tua verginità
sotto la tutela di Maria Immacolata,

 e fosti poi sì geloso custode di quest’angelica virtù.
da essere ognora assomigliato ad un candidissimo giglio, e stimato un vero angelo,
abbi pietà di me che sono in continue lotte col senso ribelle,
e impetrami che non abbia giammai a macchiare così bella virtù!
Tieni lontano da me tutti i cattivi pensieri, tutti i desideri sensuali, 

tutte le affezioni sregolate.
Dammi la purità della mente e del cuore; santificami così nell’anima e nel corpo.
E se il tuo solo alito ottenne ad un’anima
che era moltissimo travagliata da impuri fantasmi e da fiere tentazioni,
la tranquillità e la calma di spirito, deh!, te ne prego,
ottieni anche a me una somigliante grazia;
non lasciarmi più a lungo esposto a fiera lotta, perché io sono debole.
Questa grazia la voglio da te, purissimo Santo, 

e, per tua intercessione, da Maria Immacolata.
Fammela per carità, perche è troppo giusto il desiderio e
la ferma volontà mia di non offendere mai più il Signore,
e di venire un giorno a godere il premio promesso
ai puri di cuore.

PREGHIERA DOPO AVER OTTENUTO LA GRAZIA

Glorioso Taumaturgo, Padre dei poveri,
per il gran dono ottenuto di avere il Cuor Vostro attento alle miserie degli infelici,
Voi che, prodigiosamente, avete scoperto il cuore di un avaro immerso nell’oro,
Voi che offriste al Signore le nostre suppliche e ne impetraste l’esaudimento,
gradite in segno della nostra riconoscenza
l’obolo che deponiamo ai Vostri piedi in soccorso alla sventura.
Torni a vantaggio dei sofferenti, come a nostro vantaggio;
agli uni e agli altri soccorrete, con l’usata benevolenza,
aiutandoci nelle necessità temporali,
ma più ancora provvedete alle nostre necessità spirituali,
adesso e nell’ora della nostra morte.
Amen! 

SI QUAERIS MIRACULA

Si quaeris miracula
mors, error, calamitas,
demon, lepra fugiunt
aegri surgunt sani.

Cedunt mare, vincula
membra, resque perditas,
petunt et accipiunt
juvenes et cani.

Pereunt pericula,
cessat et necessitas,
narrent hi qui sentiunt,
dicant Paduani.

Cedunt mare, vincula
membra, resque perditas,
petunt et accipiunt
juvenes et cani.

Gloria Padri et Filio et Spiritui Sancto.

Cedunt mare, vincula
membra, resque perditas,
petunt et accipiunt
juvenes et cani.

V. Ora pro nobis, beate Antoni,
R. Ut digni efficiamur promissionibus Christi.

Oremus:
Ecclesiam tuam, Deus, beati Antonii Confessoris tui commemoratio votiva laetificet, ut spiritualibus semper muniatur auxiliis et gaudiis perfrui mereatur aeternis. Per Christum Dominum nostrum. Amen 

SE CERCHI I MIRACOLI

(traduzione del “Si quaeris”)

Se cerchi i miracoli, ecco messi in fuga la morte, l’errore, la calamità e il demonio; ecco gli ammalati divenir sani.

Il mare si calma, le catene si spezzano; i giovani e i vecchi chiedono e ritrovano la sanità e le cose perdute.

S’allontanano i pericoli e scompaiono le necessità: lo attesti chi ha sperimentato la protezione del Santo di Padova.

Il mare si calma, le catene si spezzano; i giovani e i vecchi chiedono e ritrovano la sanità e le cose perdute.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Il mare si calma, le catene si spezzano; i giovani e i vecchi chiedono e ritrovano la sanità e le cose perdute.

Sant’Antonio, prega per noi.
E saremo fatti degni delle promesse di Cristo.

Preghiamo
O Dio, il ricordo di sant’Antonio, dottore evangelico della Chiesa, allieti la tua famiglia, affinché, forte del suo spirito, meriti di godere un giorno la felicità eterna del cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Leggi anche  Come fare il segno della croce prima del Vangelo a Messa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: