La piccola Sara Mariucci e quegli incontri con la Madonna Morena prima di morire

E’ stato ufficialmente incaricato dal vescovo emerito di Gubbio, monsignor Mario Ceccobelli, a raccogliere tutti gli elementi, tutti i dati, tutte le testimonianze relative alla piccola Sara Mariucci.

Il padre francescano eremita Francesco Ferrari è l’uomo chiave dell’indagine diocesana relativa ai fatti inspiegabili che riguarderebbero la bambina eugubina, morta a 3 anni e 7 mesi, per una scarica elettrica, mentre era al mare con i genitori. Per anni ha studiato il caso e ha raccolto un dossier ampio e ricco di dettagli sul mistero che si aggira intorno alla piccola Sara.

Due mesi

Facebook

Nonostante la giovane età, che le impone di non poter aspirare, in ogni caso, a salire sugli altari per la beatificazione, il caso di Sara è seguito con grande attenzione dalla diocesi di Gubbio e non solo. Perché racchiude elementi di un possibile misticismo. Padre Francesco ha raccontato la vicenda in un piccolo volume “Storia di Sara”.

Sara nasce a Perugia il 31 dicembre 2002, secondogenita di Anna Armentano e di Michele Mariucci, originari di Gubbio. La sua storia si svolge nell’arco di due mesi: dal luglio 2006 all’agosto 2006.

Leggi anche  Medjugorje: Padre Petar Ljubicic e i dieci segreti

Il presunto incontro con la Madonna

La storia sta nell’incontro che ebbe, si presume nel luglio 2006, con la Madonna e nel racconto che di quell’incontro fece alla madre la sera del 4 agosto alle ore 21.

Il 4 agosto Anna, con il marito e i due figli, era ospite della sorella Rosa 6 a Francavilla Marittima, in provincia di Cosenza, per le vacanze estive, come ogni anno.

Facebook

La vocina di Anna e Mamma Morena

«Eravamo abbracciate – ricorda mamma Anna – e io la coccolavo un po’. Fuori c’era aria di tempesta e il cielo era squarciato da grossi lampi seguiti da fragorosi tuoni. Mentre la tenevo tra le braccia, Sara mi disse: – Mamma, mi racconti una storia?»

Anna rispose così: «Amore, siamo state tutt’oggi al mare, la mamma è stanca, te la racconta domani. Ora dormiamo». Le diede un bacio e la tenne stretta. Dopo qualche minuto di silenzio, durante il quale pensava che si fosse addormentata, sentì la sua vocina che diceva:

Leggi anche  Tullio De Piscopo miracolato a Medjugorje

Continua a pagina 2 cliccando qui sotto

Previous

“Papà ma tu sei un assassino?”. Così cambiò la vita dell’uomo che costruiva le mine

Next

Guarita da un cancro al midollo spinale per intercessione della piccola Sara?

1 Comment

  1. lucio

    Dio sceglie i suoi Apostoli per comunicare e aiutare coloro che invocano con cuore……..

Comments are closed.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: