Newsletter 5 Luglio 2014

Cari amici,
il messaggio della Regina della Pace a Mirjana è un invito all’umiltà, che è il terreno sul quale germogliano tutte le virtù cristiane. Senza umiltà, anche virtù di primaria grandezza, rischiano di diventare un’esaltazione dell’io.

Mentre la superbia acceca e impedisce di vedere oltre se stessi, l’umiltà è una luce che illumina, perché rivela Dio, la sua presenza e la sua volontà sulla nostra vita. L’umiltà ci rivela Dio e ci unisce a lui.

La Madonna, essendo “umile ed alta più che creatura”, indica se stessa come esempio da seguire e ci rivela che Lei ha sempre vissuto “umilmente, coraggiosamente e nella speranza”, perché aveva compreso che Dio è in noi e noi in Dio.

Poiché la Madre vuole che tutti i suoi figli, che sono parte di se stessa, siano tutti con lei nell’eternità, ci chiede di fare lo stesso: vivere con umiltà, coraggio e fiducia in Dio.

Il suo amore ci sosterrà lungo questo cammino e farà di noi degli apostoli della sua luce e della luce di Dio, per portarla dove regna “la tenebra, la cecità”.

Leggi anche  Medjugorje tra dubbi e certezze - Sulla Via di Damasco

L’umiltà è una grazia che va chiesta alla Madonna e incomincia con riconoscerci “poveri peccatori”, più di tutti gli altri, come ci insegna Papa Francesco.

Ancora una volta la Madre della Chiesa e “del mondo intero” ci ricorda che Lei è vicina ai nostri Pastori, perché siano per noi un esempio di umiltà.

La preghiera e l’amore per i Pastori rallegra la Madonna, mentre la critica l’addolora. L’umile prega, tace e dà il buon esempio.

Chiediamo alla piccola Ancella del Signore la grazia di togliere la trave dai nostri occhi, perché possiamo riacquistare la vista.

 Vostro Padre Livio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: