Get Adobe Flash player

Anche un piccolo contributo di 1 euro per noi può essere molto per il mantenimento di questo sito web

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

è un francescano appartenente all’Ordine dei frati minori, profondamente legato all’evento di Medjugorje. E’ nato a Uzarici, un paesino dell’Erzegovina, il giorno 19 marzo 1941 festività di S. Giuseppe, da una famiglia contadina composta da dieci figli. Fabijana, sua sorella, è suora francescana mentre due fratelli sono morti in tenera età, uno annegato nel piccolo fiume che attraversa il paesino.
Ha effettuato gli studi a Sarajevo e successivamente a Ljubijana, e a Graz, in Austria.Ha emesso I voti religiosi  nel 1962, nel monastero francescano di Siroki Brijeg.  E’ stato ordinato sacerdote il 6 agosto 1967. E’ stato definito:   “Il parroco più famoso del mondo” perché era parroco a Medjugorje quando hanno avuto inizio le apparizioni della Madonna. Superate le prime incertezze assunse il difficile compito di indirizzare la fede dei fedeli verso la vita sacramentale, spiegando il senso religioso e cristiano più profondo, dei Messaggi della Santa Vergine.
E’ stato anche soprannominato “Il servo sofferente di Medjugorje” alludendo alle sue difficoltà e dubbi prima di accettare i fatti dall’ inizio, e alla sofferenza di essere separato da quel luogo santo, prima a causa del carcere e poi, una volta acquistata la libertà, per la condizione imposta espressamente dal governo comunista. Infine, fino ad oggi, a causa delle diverse destinazioni assegnategli per servire la sua provincia francescana.

COME LEI CHIEDE

In questa sezione del sito riporteremo, settimana per settimana, alcune pagine di riflessione sul famoso libro che Padre Jozo ha composto per sostenere con i proventi della vendita, gli oltre 5000 bambini che hanno perso uno o entrambi i genitori, nella disgraziatissima guerra di Tito. Libro per modo di dire, perchè come ci spiega il giornalista Renzo Allegri :
” Non va letto come si fa normalmente; deve invece essere  meditato, contemplato: un quadro al giorno, uno specchio al giorno. Raggiunte le pagine, tenerle lì,davanti agli occhi, leggere le parole della Madonna,leggere la riflessione di Padre Joso, e pensare al loro significato,meditare, approfondire col proprio cuore,con la propria partecipazione emotiva.”

LA PREGHIERA

                                                                           Pagine 1-2

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
 
“…PREGATE,PREGATE, PREGATE! La preghiera regni in tutto il mondo” 
 

pagine 25-26

Tu sai come cresce un neonato,sai come cresce un albero.Sai come cresce un seme piantato nel giardino,e come sboccia un fiore: Ma come crescono un figlio e una figlia?
Come cresce un Santo? Come si cresce nella fede, nell’amore e nella Santità?
Come si diventa più vicini a Dio? La Madonna ce lo dice: Attraverso la preghiera.Di giorno in giorno attraverso al preghiera.
———–
” Glorificate Dio, figlioli, con l’inno alla carità,perchè l’amore di Dio possa crescere in voi di giorno in giorno fino alla pienezza.”

pagine 23-24
Ogni istante di preghiera è come una goccia di rugiada al mattino, che rinfresca completamente ogni fiore, ogni filo d’erba e la terra. La Preghiera rivitalizza l’uomo allo stesso modo. Quando un uomo è stanco si riposa. Quando è preocupato, trova di nuovo la pace. L’uomo si rinnova e può ascoltare di nuovo le Parole di Dio.

Non permettere a satana di ingannarti facendoti credere che puoi ripetere la preghiera: La preghiera non può essere ripetuta. Una madre non può ripetere suo figlio. Una sorgente non può ripetere la propria acqua. Il sole non può ripetere i suoi raggi. e il cuore umano non può ripetere la preghiera. E’ lo Spirito Santo che prega per noi,ed ogni Ave Maria è sempre una nuova grazia, un nuovo dono e una nuova forza.

pagine 21-22
Io vi invito alla luce che dovete portare agli uomini che vivono nelle tenebre. Ogni giorno nelle vostre case giungono persone che sono nelle tenebre. Cari figli, donate loro la luce.

Padre Jozo.
Betlemme non aveva una Elisabetta, non aveva un profeta.qualcuno che riconoscesse chi era Colei che cercava un rifugio, e così Gesù nacque in una stalla. E’ terribile vivere in una Parrocchia dove non c’è un Profeta. E’ terribile vivere in una Diocesi o in una casa dove non c’è un Profeta. Quando la luce è spenta, uno non vede a causa del buio. Il Rosario è la lampada. Ogni Ave o Maria è una nuova goccia di olio che cade e riempie la nostra lampada e la nostra vita.

pagine  19-20Se pregate col cuore cari figli, si scioglerà il ghiaccio nei vostri fratelli e scomparirà ogni bandiera.La conversione sarà facile per tutti quelli che vorranno accoglierla. Questo è un dono che dovete imploratre per il vostro prossimo. 

 

Padre Joso.
Il tempo dedicato alla preghiera non è mai  spreccato. E’ un tempo di benedizione,un tempo con Dio. Chi prega parla con Dio. Vede Dio. Ama Dio. Beato quell’uomo perchè è un profeta al quale tutti desiderano stare vicino. E’
l’immagine vivente della luce di Dio. E’ una luce per tutti.

pagine 17-18

” Quando vengono le prove e i problemi,allora dite: Dio, Madre, dove siete? Io aspetto solo che voi mi dite il vostro si per porgerlo a Gesù, affinchè Egli vi ricolmi della sua grazia.

Padre Jozo:
Oggi si attende il tuo  “si “, il tuo  “fiat “, come lo dirai? La Madonna ci dice: attraverso la Preghiera. E’ con la Preghiera di Cristo che noi diciamo il nostro ” fiat”.  Padre sia fatta la tua volontà. Sia santificato il tuo Nome. Se soltanto imparassi quest’unica preghiera, se la imparassi veramente, come sarebbe potente!

pagine 15-16
Cari figli, che ogni famiglia sia attiva nella preghiera. Io desidero che un giorno si vedano i frutti nella famiglia.Solo così posso donarli come petali a Gesù per la realizzazione del piano di Dio.

Padre Jozo:
E’ possibile che un bambino, lungo il cammino dimentichi il dono della fede, il dono della preghiera, il dono dell’amore.Ma se durante l’infanzia ha imparato a pregare con la famiglia,quella persona può ancora aprirsi alla preghiera e alla comunione con Dio. Dio ha sempre una possibilità con quella persona

pagine  13-14Cari figli,oggi vi invito in modo particolare alla lotta contro satana per mezzo della preghiera.Cari figli, rivestitevi dell’armatura contro satana e sconfiggetelo con il rosario in mano. 

Padre Jozo:

Ho bisogno di questa Madre.ho bisogno della Madre che è più forte del mio nemico, che è più forte del dragone. Si, il tuo nemico esiste davvero: ma qui c’è tua Madre. Sarai vincitore con Lei, e Lei sarà Vittoriosa con te.

pagine 11- 12
” Pregate in modo particolare davanti alla Croce, dalla quale vengono grandi grazie”.
P. Jozo:
La Madre da’inizio,ciporta davanti alla Croce e ci dice di guardarla, di meditare sulla Croce e di pregare davanti ad Essa.Io non ho paura. Non ho paura di satana,dell’inferno e del male:Il mio Dio mi ama:Il mio Dio mi perdona.Ne ho la prova , ne ho il segno: è la Croce.

pagine 3-4

Cari figli, anche oggi vi invito alla preghiera. Ho bisogno delle vostre preghiere perchè, attraverso voi, Dio sia glorificato.”

P. Jozo
E’ mio desiderio che questo pellegrinaggio diventi per te lo stimolo ad aprirti alla preghiera: Desidero che questo tuo pellegrinaggio ti apra alla fecondità della preghiera,in modo che niente possa separarti dalla preghiera,e che tu, nella preghiera possa essere gioioso e benedetto. Quando ti unisci a quelli che pregano, tutta la preghiera è per te. La preghiera è come un fiume e tu sei come un pesce. Vieni entra nel fiune. Non aver paura, quest’ acqua non ti farà annegare, Ti darà la vita.

pagine 5-6

” Io sono con voi, e vi amo con l’amore semza misura di Gesù. Grazie per tutti i vostri sacrifici e preghiere. Pregate affinchè io possa aiutarvi ancora di più: Le vostre preghiere mi sono necessarie.”
Padre Jozo:
Facci diventare o Signore rinnovatori della preghiera. Facci diventare , o Signore, profeti, missionsri della preghiera. Effondi su di noi il tuo Spirito di Preghiera. Concedi ogni volta che teniamo il Rosario nelle mani, di poter sentire la tua mano, o Madre benedetta, di percepire la sua grazia e il suo dono. Quando meditiamo i misteri del Rosario e la vita di Gesù, fa che arriviamo a conoscere Gesù,ad amare Gesù e a seguirLo.

pagine 7- 8″Se pregate, satana non può nuocervi minimamente perchè voi siete figli di Dio e Lui tiene il suo sguardo su di voi. Pregate! La Corona del Rosario sia sempre nelle vostre mani, come segno per satana che appartenete a me.”Padre Jozo :

Il Rosario nella tua mano e la preghiera nel tuo cuore. Nei cinque misteri del Rosario io vedo i cinque sassi del profeta Davide. Non c’è niente che tu non possa vincere. Questa è l’arma contro il tuo Golia, contro il tuo nemico. Si, tu puoi difendere la tua Gerusalemme e il tuo Israele. Puoi tu credere che sei il Davide della Madonna? Non temere!. Oggi la Madonna mette il Rosario nella tua mano e il dono della preghiera nel tuo cuore.

pagine 9-10″ Cari figli, vi invito a pregare il Rosario:Il Rosario sia per voi un impegno da compiere con gioia: Così comprenderete perchè sono da così tanto tempo con voi: desidero insegnarvi a pregare “.Padre Joso:
A Lourdes e a Fatima, il Rosario era nella mani della Madonna. E’ nelle sue mani qua a Medjugorje.Oggi Lei lo mette nelle tue mani. Il Rosario: la mano della Madre nella tua mano

 catechesi di Padre Jozo, del 3 marzo 2008 parte 1 (di 4 )

Rispondi