Testimonianza di Salvatore Paone

 

Mi chiamo Salvatore Paone, sono nato in una famiglia onesta, la mia famiglia è composta da sei membri e siamo quattro figli.
Fin da piccolo ho sempre saputo, almeno per quello che mi è stato inculcato attraverso la religione, l’esistenza di un Dio.

Quando raggiunsi l’età adolescente circa i miei 14-15 anni stavo per intraprendere una strada non bella, dico stavo, ma in qualche modo la presi. Iniziai a frequentare alcuni “amici” più grandi di me, da premettere che dove sono nato e cresciuto fino a 18 anni è un paese malfamato e pieno di criminalità, per cui un ragazzo a 15 o 16 anni è già grande abbastanza per far parte di certe organizzazioni.
In ogni modo vivevo la mia semplice vita (diciamo così) con tanta insoddisfazione morale e sopratutto quella Spirituale, feci la terza media e nel frattempo lavoravo e imparavo il mestiere di Parrucchiere; le mie giornate erano dedicate la maggior parte nel salone, ma quando la sera finivo li, mi aspettavano i miei amici, ho fatto cose non belle, bestemmiavo Dio, odiavo le persone, discriminavo ogni persona di colore, odiavo avvolte per fino me stesso al punto di non auto-stimarmi.
Fintantochè un giorno mi parlarono di Gesù e del Suo amore, il grande gesto altruista che Gesù aveva fatto alla croce per me era pazzia. Chissà quante volte avevo ascoltato tali parole. In ogni modo quelle parole di quella persona e in quel giorno avevano un suono diverso tanto e vero che penetravano nel mio cuore fino ad arrendermi e farmi comprendere quando fossi mancante e peccatore, piegai le mie ginocchia davanti a Dio e gli chiesi il perdono; il Signore si fece sentire, sentii la Sua divina presenza, mentre dentro me sentivo un fuoco che bruciava il mio peccato, sentivo un amore dolce, che non era umano, esso veniva accompagnato da un suono dolce che sembrava che stessi volando.
Credimi, Gesù mi perdonò, si, sentivo la Sua presenza e mi sentivo parte di Lui, sentivo che nessuno più mi poteva condannare, nessuno più mi poteva giudicare, nessuno più mi poteva tenere legato alle cose fatte in passato, sembravo come un prigioniero fatto libero, come un’aquila messa in libertà, come un cavallo lasciato libero, sentivo la presenza di Dio nella mia vita, così ripieno di gioia e di serenità scoppiai in un mare di lacrime.
Gioia e felicità accompagnavano le mie giornate, tanta fame di sapere di Gesù, iniziai a leggere la Bibbia e capivo sempre più.
Ci sono stati momenti difficili e brutti ma con Gesù posso dirti che cambia ogni cosa, ogni situazione anche se apparentemente irrisolvibile, con Dio tutto è possibile, così posso affermare che dopo 15 anni che ho conosciuto Gesù Egli è sempre rimasto fedele e sincero, inoltre con Dio ho un rapporto molto personale e intimo, pregando Egli si compiace nei Sui Figli, Egli risponde attraverso la Sua Parola, ossia la Bibbia, utile per un credente anzi direi indispensabile.
Gloria a Dio per la salvezza donatami attraverso Il Suo Unigenito Figliuolo, Gloria a Dio per la Grazia che ho ricevuto, Gloria a Dio per il miracolo che ha compiuto nella mia vita, Gloria a Dio perchè Egli è VIVENTE!

Leggi anche  Mirella Solidoro, la giovane mistica dentro il mistero della croce
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: